Logo del Buzzi
Tullio Buzzi
Istituto Tecnico Industriale Statale



Menù Indirizzo Informatico:


Offerta formativa >> Triennio >> Indirizzo Informatico


Introduzione

Il Perito per l'Informatica, oltre ad avere una buona conoscenza della struttura dell'elaboratore, dei principali linguaggi e dei sistemi operativi, è orientato verso i problemi di processo e svolge mansioni relative alla gestione del sistema, dei programmi e di apparecchiature periferiche.

Provvede altresì alla stesura, in vari linguaggi, dei programmi relativi a problemi analizzati curandone l'inserimento nel sistema.

 

Materie dell'indirizzo informatico

Oltre alle discipline comuni a tutti gli indirizzi degli Istituti Tecnici Industriali (Italiano, Storia, Inglese, Matematica, Educazione Fisica, Religione), l'allievo incontra queste materie professionalizzanti:

- Sistemi ( 3 anno - 4 anno - 5 anno ):nel curricolo di studi del Perito Industriale per l'Informatica l'insegnamento di Sistemi di elaborazione e trasmissione dell'informazione comprende due distinte aree di interesse.

La prima, a carattere più tecnologico, è l'area dei sistemi per l'elaborazione (calcolatori) e la trasmissione (reti) delle informazioni conosciuti soprattutto dal punto di vista dell'architettura, cioè a livello di confine tra le competenze dell'elettronica e quelle della programmazione evoluta. La finalità dell'insegnamento è, per questo aspetto, quella di contribuire alla formazione di un adeguato bagaglio di precise conoscenze tecniche e di capacità operative per il futuro perito.

La seconda area di interesse è quella delle applicazioni cioè della conoscenza dei sistemi nei settori dell'industria e dei servizi interessati dalla progressiva introduzione di strumenti informatici. In rapporto a quest'area, la finalità dell'insegnamento è di tipo più metodologico perchè deve fornire anche generali capacità di analisi dei sistemi, di comprensione dei processi economici oltre che strategie specifiche di risoluzione dei problemi.
Questo secondo aspetto si può sviluppare concretamente in un crescente rapporto con la realtà delle produzioni e/o dalle applicazioni informatiche presenti a livello locale e, pertanto, trova la sua naturale collocazione soprattutto nelle scelte dell'Area elettiva e di progetto, al quarto e quinto anno.

 

-Informatica ( 3 anno - 4 anno - 5 anno ): il corso di Informatica ha come fine principale quello di mettere il Perito in Informatica in grado di affrontare (dall'analisi fino alla documentazione) la soluzione di un problema, posto dalla richiesta di un ipotetico committente, scegliendo le metodologie e gli strumenti software piu` idonei offrendogli la formazione per seguire con una certa autonomia l'evoluzione delle tecnologie informatiche.

La disciplina fornisce all'alunno le conoscenze e le abilita` necessarie per l'uso di un sistema di elaborazione ai piu` alti livelli della gerarchia che lo modella (linguaggi ad alto o altissimo livello, liguaggi applicativi).

 

- Elettronica ( 3 anno - 4 anno - 5 anno ): Persegue la finalita` di sviluppare negli allievi le capacita` di:

1) analizzare, dimensionare e gestire piccoli sistemi per l'elaborazione, la trasmissione e l'acquisizione dell'informazione in forma di segnali elettrici progettandone semplici elementi;

2) risolvere problemi di piccola automazione e di interconnessione nei campi dell'industria e dei servizi;

3) partecipare consapevolmente alla realizzazione e alla gestione di grandi sistemi di elaborazione e automazione, avendo chiare le problematiche hardware connesse all'interfacciamento.

 

- Calcolo delle probabilità, statistica e ricerca operativa ( 3 anno - 4 anno - 5 anno ): ha lo scopo di sviluppare le abilità di base normalmente implicate nella raccolta, nell'analisi e nell'elaborazione di informazioni e dati relativi a fenomeni collettivi. Si tratta di:


- formare un atteggiamento mentale che sia in grado di utilizzare proficuamente le
potenzialità di indagine e di analisi del reale, proprie del contesto informatico;


- fornire strumenti che siano in grado di disciplinare e orientare i metodi induttivi e le
conoscenze empiriche.